Tag

, , , , , ,

Questo romanzo del 2001 del celebre scrittore spagnolo Zafon, è un libro che racconta di libri. il gioco di parole riflette precisamente l’obiettivo de L’ombra del vento.

comincerò subito dalla trama per dar modo a tutti di avere idea di cosa io intenda quando dico che è stato uno dei libri più belli che io abbia mai letto.

E’ il 1945 in una Barcellona segnata dai postumi di una guerra sanguinosa e devastante, immersa nella nebbia più fitta che ne crea un paesaggio freddo e ovattato. Daniel Sempere è un protagonista giovane che, orfano di madre, lascia il lettore sin da subito affascinato e attratto dalla sua sensibilità. Le prime pagine indagano sulla sua grave perdita e sulla sua incapacità di riuscire a ricordare il volto e la voce della madre, morta troppo presto perchè lui possa ricordarne tratti somatici ed emozioni. il padre, un libraio appassionato e cacciatore di libri rari e antichi, decide di metterlo a conoscenza di un segreto, continuando così una tradizione lunga più di cent’anni: vanno al Cimitero dei Libri Dimenticati (luogo dove ogni buon lettore desidererebbe metter piede), dove Daniel ha la possibilità di scegliere un libro e deve promettere di conservarlo e prendersene cura per tutta la sua vita. Da qui si apre un altro sipario e si vede il libro nel libro, quando Daniel sceglie “L’ombra del vento”, di tale Julian Carax, nuovo personaggio che invaderà d’ora in poi ogni pagina del libro. Il protagonista inizia a leggere il libro e la sua vita sarà quasi ossessionata dalla curiosità verso questo misterioso autore, Carax, di cui nessuno pare sapere nulla di certo, se non qualche breve informazione riguardo la sua infanzia. Presto Daniel entrerà in contatto con Lain Coubert che, il caso vuole, corrisponda a uno dei personaggi del romanzo di Carax, il diavolo. Le ricerche continuano per anni e Daniel diventa uomo…nel tempo molte sono le vicende in cui si troverà coinvolto e molti i segreti di cui verrà a conoscenza.

Credo di aver svelato fin troppo, senza in realtà avervi svelato nulla, ma credo basti per avervi messo una sana dose di curiosità. L’ombra del vento è un capolavoro di storia e di emozioni, fino all’ultima pagina che, come per tutti i libri più belli, arriva troppo presto. E’ una storia che cattura e fa sognare, sperare, emozionare e Carlos Ruiz Zafon è in grado di far sentire il lettore partecipe e inserito nella storia, grazie alle dettagliate descrizioni che propone di una Barcellona d’altri tempi.

Consigliatissimo da leggere, anche più di una volta e, perché no, anche in lingua originale.

Voto: 9,5

Annunci